Scommesse sportive, come puntare sul marcatore

calcio palloneIl variegato mondo delle scommesse non si ferma alle puntate sul risultato finale. Tutti i tipi di scommessa variano e si valutano in base al tipo di bookmaker verso il quale si sceglie di dirigersi. Il tipo di scommessa di cui si parlerà riguarda le puntate sul marcatore. Questo tipo di scommessa è presente in numerose piattaforme, anche se viene proposta in maniera diversa da ciascun bookmaker. Sulle piccole differenze, che si possono riscontrare tra un operatore e l’altro, l’impronta rimane comunque la stessa. La scommessa sul marcatore è tanto semplice quanto rischiosa: è fondamentale puntare e indovinare quale dei giocatori andrà in rete. Questa categoria di scommesse consente di puntare anche sul pareggio, con la formula “nessun marcatore” oppure “autogol”.

I bookmaker tendono a rivalutare le proprie quote in base alla concorrenza. Questo andamento può essere sfruttato al meglio, in modo da ottenere il massimo profitto da tutti gli operatori. La scommessa sul marcatore è sicuramente più semplice rispetto al pronostico del risultato finale della partita, per cui le possibilità di vincere sono di sicuramente superiori. Per vincere con la scommessa sul marcatore, è però opportuno fare delle importanti considerazioni. Per prima cosa, soprattutto se si è alle prime armi, è bene dirigersi verso i bonus delle scommesse sportive più affidabili. In questo modo, si potrà scommettere in assoluta tranquillità, senza il rischio di perdere il denaro investito. Definito questo aspetto, si passa alle quote più elevate per le scommesse sui marcatori. È fondamentale scegliere bene il tipo di scommessa. Solitamente, le quote sui marcatori di un incontro sono più elevate: è possibile così scovare l’esistenza della cosiddetta valuebet.

Se un bookmaker, per una qualsiasi ragione, sottostima la probabilità di riuscita di un evento, sta in qualche modo elevando la quota sul dato evento di quanto non dovrebbe. È questo il caso della valuebet. La formula che consente di individuare la valuebet è molto semplice. Si tratta di dividere il numero di presenze di un determinato giocatore per il numero di goal segnati. A questo punto, basta comparare il risultato con le quote stabilite dagli operatori. Se la quota è superiore al risultato, allora la scommessa è una valuebet. Oltre a questo valore, è opportuno considerare il valore della difesa avversaria, la forma del giocatore, gli ultimi risultati delle competizioni dirette, i calci piazzati e tutti gli altri tipi di scommesse che riguardano quel determinato marcatore. Le scommesse sul marcatore possono essere indirizzate verso il primo marcatore, ovvero il giocatore che segna il primo punto del match, oppure sull’ultimo marcatore, ossia quello che chiude la partita. Oltre al primo e ultimo marcatore, le scommesse di questo tipo includono i marcatori autori di doppiette e triplette.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *