Segnali di trading binario

euro banconoteCerchiamo di fornirvi una sorta sintesi di come funzionano i segnali di trading binario, facendovi inoltre comprendere come approcciarli nel modo più giusto senza che ci si trovi di fronte a “falsi segnali” di trading.

E’ piuttosto immediato darvi un resoconto significativo di tale questione per un semplice fatto: quasi tutti i bot o programmi automatici di trading binario sembrano avere le stesse caratteristiche, ovvero più o meno sono improntati agli stessi criteri di valutazione.

Cerchiamo di capire in breve come fare per non commettere errori e basarsi su previsioni errate nell’interpretazione del mercato.

La maggior parte dei broker si basa su procedure automatizzate semplici ed intuitive programmate per recepire l’informazione estemporanea, senza doversi concentrare sulla serie storica delle osservazioni del sottostante. Quindi, viene per come dire codificata la dinamica dei prezzi nelle sue percezioni più immediate: il volume dal lato della domanda è in rapida crescita? Allora, diamo in anticipo un segnale put perché entro l’intervallo di tempo che ci proponiamo, prima o poi, i prezzi torneranno a scendere. E’ chiaro che mancano ad un programma così “superficiale” (osservazione empirica che spesso ha anche successo di chi preferisce fare trading di prima gittata) le premesse e le cognizioni tecniche per poter capire quale sia l’effettivo livello di resistenza dinamica del sottostante e così si finisce quasi sempre per incappare in falsi segnali, interpretando in modo erroneo il mercato.

I segnali di trading binario non sono quasi mai impostati su rigide premesse di ordine tecnico, quali l’evidenza segnaletica di alcune figure (ad es. candele giapponesi, strategia dei triangoli…) e richiedono quindi l’apporto dell’osservatore attento che possa così distinguere tra veri e falsi segnali. Per questo conta molto l’esperienza personale del trader che può così sviluppare una vera e propria strategia per poter dominare sul mercato con scelte mirate e con cognizione di causa. Mai fidarsi ciecamente dei segnali di trading binario.

Vi sono appunto dei programmi per segnali di trading che sono multifunzionali, nel senso che richiedono una certa capacità di valutazione da parte del trader, innanzitutto dal punto di vista comparativo, mettendo in parallelo elementi di analisi grafica e matematica, a seconda del contesto di osservazione che sarà pertanto in grado di valutare con appropriata lente di lettura. Tali software automatici o bot solitamente richiedono un abbonamento periodico, fatto salvo che non vi siano precise offerte bonus per un periodo di tempo limitato.

Alcuni broker includono dei software di segnali di trading binario in piattaforma ma questi si basano solitamente su quanto specificato prima, senza particolare personalizzazione dei criteri di valutazione sulla base del contesto di analisi. Insomma, i segnali vengono elaborati in base ad un algoritmo semplice, di facile programmazione per il software e che richiede comunque il supporto manuale per accompagnare i segnali e decidere le tempistiche di ingresso sul mercato, tenuto conto anche del lasso di validità del segnale.

Vi è grande richiesta di segnali di trading binario, anche troppa rispetto alle aspettative delle piattaforme di trading binario che stanno cercando di rispondere meglio che possono alla crescente domanda da parte dell’utenza di qualche modo per velocizzare l’opera di discernimento analitico del mercato che, anche per i casi più semplici, richiede comunque l’utilizzo e la consultazione di stocastici che possano dare indicazioni sul volume della domanda e dell’offerta, alla base di picchi e picchiate improvvise dei prezzi, quelle che i segnali colgono con pronto anticipo rispetto alle inversioni di rotta che, nella normalità dei casi, si avranno. Appunto, quello di cui dobbiamo preoccuparci con i segnali di trading è della non normalità dei casi, quelli in cui il mercato si comporta in modo imprevisto, almeno secondo le informazioni retrospettive analizzate dal software automatico. Noi invece possiamo capire se ci sarà qualche sorpresa, ad esempio, perché veniamo ad intuire che di lì a poco una bufera mediatica farà cambiare il sentiment di mercato.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi