Sostituire gli infissi: come operano i professionisti del settore

casa balconeLa nostra casa, con il passare degli anni, tende a necessitare di alcune opere di ristrutturazione e di sistemazione. Una tra le parti della casa che tendono a deteriorarsi con maggiore frequenza è rappresentata dagli infissi. Soprattutto nelle abitazioni costruite prima degli anni ’80 gli infissi sono uno degli elementi di minore pregio. Avere degli infissi che non chiudono bene privi di doppi vetri o in materiale deteriorato può causare diversi svantaggi, tra cui l’elevato aumento delle spese di riscaldamento e di raffrescamento. Per la sostituzione degli infissi si può contattare una ditta di ristrutturazioni roma, che ci presenterà il preventivo per tutte le opere necessarie.

Come si procede

Ci sono tantissimi diversi tipi di infissi oggi disponibili sul mercato. Si differenziano fondamentalmente per il materiale costruttivo: legno, PVC o metallo. Gli infissi di nuova concezione sono tutti ad elevata coibentazione e ad assorbimento acustico. In pratica una volta chiusa la finestra non si hanno scambi termici con l’ambiente esterno e l’infisso rinnovato consente anche di tenere lontani i rumori. Questo indipendentemente dal materiale scelto, in quanto ci sono ormai infissi in alluminio o in plastica di ottima qualità, anche se venduti a prezzi decisamente contenuti. La scelta dell’infisso da posizionare dipende essenzialmente dai gusti del padrone di casa, e dal budget che ha a disposizione. Gli infissi in legno pregiato sono tra i più costosi, mentre quelli in PVC sono i più economici.

Il posizionamento degli infissi

Per sostituire i vecchi infissi si può agire in due modi. Si possono rimuovere completamente le vecchie installazioni, ossia le ante delle finestre e la parte di infisso murata nelle pareti. Con l’aiuto di un muratore si ripristinano gli infissi murati e si riposizionano in seguito le nuove ante. Questo metodo è particolarmente utile nelle abitazioni molto vecchie, dove i telai degli infissi sono particolarmente compromessi, e non hanno una buona giunzione con le pareti. Dagli interstizi che si vengono a creare può passare l’aria, penetrando nell’ambiente interno della casa. Un altro metodo di sostituzione degli infissi consiste nel rivestire i vecchi telai con strutture totalmente coprenti a cui si collegheranno i nuovi infissi. In questo caso si risparmia sui lavori che coinvolgono la muratura, e si ottiene comunque una struttura perfettamente coibentata. L’importante è che il nuovo telaio copra bene quello vecchio, andando a colmare le eventuali lacune. Nelle case molto vecchie tale tipo di posizionamento può non essere possibile.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *