Cellulite: cos’è e come si combatte

cellulite donnaLa cellulite è un fastidioso inestetismo, che si presenta in persone di ogni sesso, età, peso corporeo e conformazione fisica. In linea generale tende a colpire maggiormente le donne, soprattutto perché molte di esse presentano più di un fattore predisponente ad essere afflitte dalla cellulite. Per poter combattere la cellulite è importante capire cos’è, in modo da agire poi di conseguenza. Attraverso questa guida che spiega cos’è la cellulite capirete quali siano gli accorgimenti che aiutano a debellarla.

Cos’è la cellulite

La cellulite è un inestetismo che si verifica a livello del pannicolo adiposo sottocutaneo, soprattutto in alcuni distretti del corpo: sui glutei, sulle cosce, all’interno delle ginocchia, sulle braccia e sulla pancia. Tipicamente si tratta anche delle zone in cui più facilmente si accumula il grasso corporeo, che è tra i fattori predisponenti per il presentarsi di questo inestetismo. Si tratta di un problema correlato ad un’alterazione delle cellule del pannicolo adiposo, che tendono a rompersi e a disperdere trigliceridi all’interno dello strato più profondo della cute. Questa condizione inibisce il corretto microcircolo, sviluppando particolari modificazioni dei tessuti, con caratteristici micro noduli, che compromettono l’aspetto e la funzionalità del pannicolo adiposo e della struttura a reticolo che lo sostiene. Il risultato, in un primo stadio, è la cosiddetta pelle a buccia d’arancia, con piccoli avvallamenti ben visibili in superficie. Con il passare del tempo i noduli si ingrandiscono, condizione che può portare anche una sensazione di peso alle gambe e dolore costante.

Come si forma la cellulite

Questa alterazione del pannicolo adiposo è dovuta a diversi fattori, spesso presenti in modo contemporaneo. In molti casi la scintilla che fa partire questo meccanismo perverso è uno squilibrio ormonale, come quello che si verifica durante la pubertà. La presenza eccessiva di ormoni porta ad una alterata presenza di grasso sottocutaneo e anche ad una diminuzione del microcircolo. In queste condizioni è facile che si creino i primi depositi cellulitici, destinati ad aumentare di numero e consistenza se non si effettua alcun tipo di trattamento. In alcuni soggetti la scintilla è causata dal consumo di alcuni farmaci o anche dalla presenza di malattie epatiche o di altro genere. Spesso gli squilibri ormonali portano anche ad una elevata ritenzione idrica sottocutanea, che inibisce ulteriormente il microcircolo.

Fattori predisponenti

Sono poi da considerare anche diversi fattori predisponenti, oltre a quelli già elencati prima. L’abitudine a fumare, la scarsa attività fisica praticata quotidianamente, le carenze nutrizionali o una dieta squilibrata sono tutti fattori che possono favorire il formarsi dei depositi cellulitici. Spesso anche l’aumento di peso porta alla formazione della cellulite, in quanto il corpo ha a disposizione una maggiore quantità di cellule adipose, inoltre il peso eccessivo può portare a problemi circolatori o linfatici. A volte una gravidanza è il periodo in cui comincia a formarsi la cellulite, oppure il problema si presenta in persone che stanno l’intera giornata sedute o in piedi. Anche un’alimentazione squilibrata può essere considerata come un fattore predisponente, soprattutto nel caso in cui si faccia un consumo esiguo di fibre.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *