Dormire su un fianco fa bene?

Dormire sulla schiena è stata una procedura a lungo raccomandata per una buona notte di riposo senza svegliarsi il giorno dopo con qualche dolore muscolare e articolare. Tuttavia, ci sono più benefici di quanto si pensasse in precedenza nell’abitudine di dormire su un fianco. Non ci credi?

Innanzitutto, diverse ricerche hanno mostrato che il sonno “laterale” è più comune tra gli adulti più anziani, così come quelli con un più alto indice di massa corporea (BMI). Nonostante i benefici del sonno laterale, di cui a breve parleremo, vogliamo tuttavia premettere che è in verità possibile ottenerli solo se ci si trova nella posizione corretta. In caso contrario, il dolore alla colonna vertebrale, al collo e alle articolazioni supererà i benefici del dormire di lato.

Detto ciò, cerchiamo di saperne di più sul sonno c.d. laterale e soprattutto su come farlo correttamente. Cominciamo dai vantaggi.

Parlando di vantaggi di dormire sul lato destro o sinistro, si può ben affermare che mentre dormire sulla schiena è stato a lungo pensato essere la posizione ideale per dormire, la ricerca più recente sta in realtà dimostrando che il sonno laterale può avere altrettanti benefici e, addirittura, forse superiori.

Se fatto correttamente con il corretto allineamento del corpo, dormire di lato può ridurre i dolori articolari e lombari, così come i dolori cronici associati a condizioni a lungo termine come la fibromialgia. Un altro beneficio per dormire sul fianco è la riduzione del russare, un sintomo comune nell’apnea ostruttiva del sonno. Questa grave condizione crea interruzioni della respirazione, che può portare a complicazioni a lungo termine, come ad esempio diabete, infarto, problemi cognitive. Insomma, problemi cognitivi possono essere prevenuti con una buona abitudine del sonno, e la ricerca sta anche cercando di dimostrare che perfino la salute generale del cervello può trarre beneficio dal dormire su un lato.

Infine, come se non bastassero i piccoli spunti che sopra abbiamo voluto premettere con te, concludiamo affermando che si può ottenere una migliore salute intestinale se sei un dormiente laterale. Questa posizione aiuta infatti il sistema digestivo a funzionare meglio, il che può alleviare problemi gastrointestinali come bruciore di stomaco, costipazione e gonfiore.

Detto ciò, invitiamo tutti coloro che avessero problemi di riposo a parlarne in maniera approfondita con il proprio medico, per poter arrivare alla definizione di un sistema di sonno unico e personalizzato sulla base delle proprie specifiche esigenze e caratteristiche!

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi