Sei qui: Home » Obiettivi SMART: cosa sono e come si stabiliscono

Obiettivi SMART: cosa sono e come si stabiliscono

2 insurance-539659_1920 (1)Se non sai cosa vuoi ottenere e non lavori per ottenerlo, è improbabile che tu abbia successo. Come esseri umani, desideriamo diverse forme di successo, sia a livello personale che negli affari. Tuttavia, senza sapere come impostare correttamente gli obiettivi o creare un piano d’azione, il successo personale rimarrà probabilmente sfuggente e comprometterete i vostri colleghi d’affari diventando un membro inaffidabile della squadra. Stabilire degli obiettivi è quindi il primo passo verso il successo.

Per essere personalmente responsabile delle tue azioni e dei tuoi risultati sul lavoro, devi iniziare con una direzione definita e una visione chiara. In altre parole, devi sviluppare un chiaro obiettivo a lungo termine partendo dagli obiettivi.

Ma cosa pensi che renda un obiettivo ben formulato?

Forse potresti pensare che un obiettivo ben formulato è un obiettivo che sei in grado di raggiungere. Hai ragione – è più probabile che tu raggiunga un obiettivo che hai pensato attentamente, piuttosto che un obiettivo che ha grandi aspirazioni ma è troppo vago.

Il modo più efficace di fissare un obiettivo è quello di strutturarlo in modo che dichiari esplicitamente cosa deve essere raggiunto e come misurare se hai avuto successo. Per fare questo, dovresti usare il principio SMART, un acronimo che sta per misurabile, realizzabile, realistico e con un limite di tempo.

Specifico

Se il tuo obiettivo è specifico, hai una chiara idea di ciò che deve essere raggiunto e puoi concentrarti sul suo raggiungimento. Al contrario, gli obiettivi vaghi sono più difficili da seguire. Un obiettivo come “Voglio essere l’impiegato perfetto” è così generale che è difficile sapere da dove iniziare.

Un obiettivo più specifico potrebbe essere: “Ogni giorno voglio completare tutti i miei compiti in modo rapido e competente”.

Misurabile

Senza avere un metodo adeguato con cui misurare un obiettivo, l’obiettivo è inutile perché non sarai in grado di sapere se è stato raggiunto o meno. Tuttavia, anche troppa quantificazione non va bene. Il tuo obiettivo SMART dovrebbe essere misurabile senza essere soffocato.

Per esempio, un obiettivo potrebbe essere: “Voglio aumentare la visibilità del mio sito web con 100 visite in più questo mese”. Un obiettivo povero sarebbe “Voglio più visite sul mio sito web”.

Raggiungibile

Un obiettivo raggiungibile è un obiettivo che è in grado di raggiungere. Raggiungere un obiettivo è il motivo per cui avete fissato l’obiettivo in primo luogo e ogni obiettivo raggiunto rende l’obiettivo successivo più facile. Al contrario, se ti poni un obiettivo che non sarai mai in grado di raggiungere nonostante i tuoi sforzi, ti stai solo preparando al fallimento.

Per esempio, se sei nel settore manifatturiero e sai di avere la capacità di iniziare una nuova linea di prodotti, invece di dire semplicemente “Voglio iniziare una nuova linea di prodotti”, un obiettivo raggiungibile potrebbe essere “Voglio catturare una quota significativa del mercato con questo nuovo prodotto entro il prossimo anno”.

Realistico

Oltre ad essere raggiungibili, i tuoi obiettivi devono anche essere realistici. Questo significa che dovresti chiederti quanto è probabile che il tuo obiettivo venga raggiunto quando consideri i diversi fattori che influenzano il suo completamento.

Per esempio, non servirà a niente dire “Voglio diventare il distributore numero uno di materiale elettronico” se attualmente non avete le strutture di stoccaggio ottimali. Un obiettivo realistico è: “Voglio diventare un distributore competitivo di materiale elettronico”.

Con scadenze temporali

Creare un calendario per realizzare il tuo obiettivo è importante perché ti dà un senso di urgenza e un vincolo per il completamento, senza il quale il tuo obiettivo potrebbe indebolirsi nel tempo mentre perdi concentrazione e slancio.

Un esempio

Facciamo un esempio. Domenico fa parte di un team di dirigenti di vendita. Spera di migliorare le sue prestazioni e, di conseguenza, decide di porsi l’obiettivo di migliorare le sue vendite. Poi vuole usare il principio SMART per perfezionare il suo obiettivo.

Domenico inizia chiedendosi: “Il mio obiettivo è specifico? Le viene in mente che la formulazione “migliorare le mie vendite” è piuttosto aperta. Decide di fare dodici grandi vendite. Questo concentrerà i suoi sforzi sulla sua prestazione specifica e non su una vaga generalizzazione.

Poi si chiede: “Il mio obiettivo è misurabile? Decide che il metodo di misurazione per lui sarà quando ogni cliente firma gli accordi.

Ora si chiede: “Il mio obiettivo è raggiungibile? Essendo un dirigente delle vendite con un buon curriculum, crede di potersi assicurare le vendite.

Poi si chiede: “Il mio obiettivo è realistico? Questo la porta a considerare come potrebbero non esserci nemmeno dodici clienti pronti a cui vendere in un dato momento. Cambia il suo obiettivo per chiudere quattro affari importanti.

Infine, Domenico si chiede entro quando vuole raggiungere il suo obiettivo e si stabilisce su tre mesi, dandosi un orizzonte temporale.

Domenico decide quindi di migliorare le sue vendite firmando quattro accordi importanti entro tre mesi, un obiettivo raggiungibile. Poiché l’obiettivo è ora SMART, può aiutare Domenico ad essere responsabile delle sue azioni e dei loro risultati, motivandola e dandole una direzione chiara.

Per comprendere se hai capito bene cosa sono gli obiettivi SMART, prova a vedere queste opzioni e cerca di capire se corrispondano effettivamente, o meno, a obiettivi SMART:

1) Finire una relazione di 60 pagine in due mesi e puntare alla promozione

2) Essere il miglior manager

3) Vendere 12 polizze entro la fine del mese

4) Essere un impiegato irreprensibile

5) Aumentare il margine di profitto di un’azienda del 75%.

L’opzione 1 è corretta. Questo obiettivo stabilisce specificamente ciò che deve essere raggiunto entro un determinato periodo di tempo. L’obiettivo è specifico, può essere misurato, è raggiungibile, è realistico e ha un lasso di tempo stabilito.

L’opzione 2 non è invece corretta. Questo obiettivo non è abbastanza specifico. Come si può misurare ciò che si intende per essere il “miglior” manager? L’obiettivo non è misurabile e non ha un tempo stabilito.

È invece corretta l’opzione 3: questo obiettivo dichiara cosa deve essere raggiunto e in quale lasso di tempo. È anche specifico perché indica il numero di politiche. Sembra anche realistico.

L’opzione 4 non è corretta. Si tratta di un obiettivo vago, senza vincoli di tempo o metodi per misurarlo. Non è quindi possibile dire se è raggiungibile o meno. Inoltre, nessuno è perfetto, quindi non è realistico.

Anche l’opzione 5 non è corretta. Anche se questo obiettivo è specifico e misurabile, manca di una cornice temporale. Inoltre non sembra realistico aspettarsi un aumento del 75% dei margini di profitto, non importa quale sia l’arco di tempo. Quindi probabilmente non è nemmeno realizzabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *