Vai al contenuto
Sei qui: Home » Fiat pagherà le tasse in Italia

Fiat pagherà le tasse in Italia

auto-1270858_960_720Secondo quanto affermato dal gruppo Fiat Chrysler in una nota recentemente diramata a mezzo stampa, la riorganizzazione societaria che è avvenuta nel corso dell’autunno di due anni fa, non ha modificato nella sostanza gli obblighi fiscali del gruppo nei confronti dell’Italia che – si legge ancora nella nota – rimangono gli stessi della precedente struttura operativa. In altri termini, Fiat ha confermato che continuerà a pagare regolarmente le tasse nel nostro Paese, contrariamente a quanto aveva sollevato qualche osservatore.

Ricordiamo che il gruppo FCA, così come composto con la fusione tra Fiat e Chrysler, opera in Italia mediante 70 diverse società che svolgono attività di natura industriale, commerciale e finanziaria, generando un fatturato di alcune decine di miliardi di euro.

Ebbene, tali aziende sono soggette nel nostro Paese a ogni obbligo di natura tributaria e ai connessi pagamenti di imposte, e di tali obblighi Fca è chiaramente conscia e rispettosa, come dichiarato alla stampa dal portavoce del gruppo automobilistico, Simone Migliarino, in esplicita risposta alle dichiarazioni di Giorgio Airaudo, ex leader
Fiom, deputato e candidato a sindaco di Torino, secondo cui Fiat è destinata a pagare le tasse all’estero, e non più nel nostro Paese.

Quasi in contemporanea di tale dichiarazione, Fiat ha potuto ben celebrare gli ottimi risultati che sono stati ottenuti nel mercato italiano e internazionale, in conseguenza all’elevato volume di immatricolazioni, che anche negli ultimi mesi hanno superato le medie del mercato. Le prospettive per l’intero 2016 sono molto positive, a conferma della bontà dell’attrattività dei veicoli Fca tra gli acquirenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi