Vai al contenuto
Sei qui: Home » Mamma e bimbo

Mamma e bimbo

Cosa fare se il bambino tossisce?

È di nuovo il periodo dell’anno in cui si diffondono raffreddori e influenze. Potreste chiedervi cosa fare se il vostro bambino inizia a tossire. Ecco alcuni consigli per aiutarvi. Innanzitutto, è importante capire che esistono diversi tipi di tosse. La tosse umida è solitamente causata da un raffreddore o dall’influenza, mentre la tosse secca è spesso causata da irritazione della gola o da allergie. Se il bambino ha la tosse umida, si può provare a dargli dei farmaci da banco, come il Tylenol Cold & Flu per bambini o il Motrin Children’s Cold & Flu Relief. In caso di tosse secca, potete provare a dargli del miele o a succhiare delle caramelle dure per aiutarlo a lenire la gola. Se la tosse del bambino è grave o ha difficoltà a respirare, è importante rivolgersi subito a un medico. Nel frattempo, ecco alcune cose che potete fare per aiutare il vostro bambino a sentirsi meglio:

  • Assicuratevi che si riposi e assuma molti liquidi
  • Utilizzate un umidificatore nella sua stanza per mantenere l’aria umida
  • Tenetelo lontano dal fumo e da altre sostanze irritanti
  • Evitate di somministrare alimenti che possono aggravare la tosse.Leggi tutto »Cosa fare se il bambino tossisce?

Come far smettere di piangere il neonato?

I neonati piangono. È il loro modo di comunicare. Possono essere affamati, stanchi, bagnati o semplicemente hanno bisogno di essere tenuti in braccio. Per un neo-genitore può essere difficile capire di cosa ha bisogno il suo bambino. Ecco alcuni suggerimenti che vi aiuteranno a capire come calmare il vostro bambino che piange: Innanzitutto, cercate di capire se il vostro bambino ha fame. Se sono passate più di 2 ore dall’ultimo pasto, provate a dargli da mangiare. Se il bambino piange ancora dopo essere stato nutrito, potrebbe essere stanco. Provate a cullarlo o a tenerlo in braccio finché non si addormenta. Se il bambino piange ancora, potrebbe aver bisogno di un cambio di pannolino. I pannolini bagnati o sporchi possono creare disagio ai bambini. Se avete provato tutte queste cose e il bambino piange ancora, forse ha solo bisogno di essere tenuto in braccio. A volte, tutto ciò di cui un bambino ha bisogno è un tocco e un contatto confortante con il proprio genitore.Leggi tutto »Come far smettere di piangere il neonato?

Come rendere lo studio meno stressante per i figli

Non è un segreto che i compiti a casa causano stress a molti studenti. Che si tratti di un grande test dietro l’angolo o di una scadenza imminente per un compito, a volte può essere impossibile evitare lo stress da compiti a casa.

Tuttavia, da uno ai dodici anni, i compiti a casa sono una parte importante dell’educazione dei bambini. Ma quando i compiti a casa causano frustrazione e portano a sentirsi sopraffatti, possono avere un impatto negativo sulla capacità del bambino di concentrarsi e conservare le informazioni. Può anche portare a procrastinare. In ultima analisi, tutto questo può finire con prestazioni scadenti in classe e voti più bassi. Per questo motivo è importante imparare a gestire lo stress da compiti. Ma come?

Gli effetti di un eccesso di compiti a casa possono includere livelli più alti di stress e frustrazione per gli studenti. Questo può avere un impatto negativo sui voti, sulla vita sociale e sulla salute (sia fisica che mentale).Leggi tutto »Come rendere lo studio meno stressante per i figli

Come creare il giusto ambiente di studio per i bambini

coffee-2425303__340Anche se spesso i membri della famiglia hanno buone intenzioni, a volte può essere  piuttosto semplice distrarli. Ma ci sono dei passi che i genitori o i membri della famiglia possono fare per creare una zona libera da distrazioni?

In linea di massima, dipende davvero dal bambino e da come impara meglio. Un bambino può ad esempio preferire stare vicino a mamma e papà quando fa i compiti, così può far delle domande (e, sì, sfogarsi sul fatto di dover fare i compiti a casa), e non scegliere spesso di usare la scrivania della sua camera da letto. Una bambina può invece preferire lavorare in camera sua, sia alla scrivania che sul letto. La chiave è dunque fornire a ogni bambino un ambiente che trovi più favorevole ai compiti e allo studio.Leggi tutto »Come creare il giusto ambiente di studio per i bambini

Legge seggiolini antiabbandono: via libera alle multe dal 6 marzo 2020

  • di

seggiolino antiabbandonoLa legge sui seggiolini antiabbandono è diventata operativa. Questo significa che partire dal sei marzo le sanzioni previste dalla legge 117/2018 potranno colpire gli automobilisti che non si sono conformati. Dalla promulgazione di questa legge c’è stato un certo caos perché la norma lasciava da chiarire molti aspetti della faccenda.Leggi tutto »Legge seggiolini antiabbandono: via libera alle multe dal 6 marzo 2020

Educare al meglio i figli

famigliaNon tutti i genitori sono in grado di seguire da vicino i loro figli nel corso della giornata. In molte famiglie entrambi i coniugi lavorano per molte ore al giorno, cosa che rende i loro figli liberi ed autonomi per buona parte del loro tempo libero. In queste situazioni non basta avere n sospetto, anche perché alle richieste di un genitore un figlio dichiara sempre che va tutto bene, che si sta comportando seguendo quanto gli è stato detto, che ha trascorso l’intero pomeriggio a studiare.Leggi tutto »Educare al meglio i figli

Il test di paternità questo sconosciuto

  • di

paternitàSe ad un primo approccio il meccanismo alla base di un test di paternità risulta sconosciuto, ad un approfondimento mirato sarà più chiaro il suo funzionamento.

Ogni persona reca “scritto” nel proprio DNA un codice specifico che stabilisce e definisce una identità genetica. Con la sola eccezione di gemelli monozigoti, che presentano un DNA identico, il profilo genetico di ogni individuo è sostanzialmente unico! Questa condizione rappresenta l’essenza stessa della metodologia impiegata per stabilire se due persone sono legate tra loro da una correlazione genetica.Leggi tutto »Il test di paternità questo sconosciuto