Vai al contenuto
Sei qui: Home » I mutui INPDAP

I mutui INPDAP

casaI mutui INPDAP sono particolari forme di prestiti ipotecari, riservate ai dipendenti pubblici o ai pensionati pubblici, purché iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali da almeno 3 anni. Possono richiedere questo tipo di mutuo solo i dipendenti pubblici che hanno un contratto a tempo indeterminato. Fino al 2011 era l’INPDAP che si occupava di questo tipo di prestiti, oggi tale ente è stato assorbito dall’INPS, che ha mantenuto alcuni privilegi per i dipendenti ed i pensionati pubblici.

I fondi


Ogni quadrimestre le Direzioni Regionali dell’INPS stabiliscono un preciso budget come disponibilità per tutti i mutui richiesti dai dipendenti e pensionati ex INPDAP. Le richieste dei mutui sono sempre accettate fino a terminare la cifra prestabilita; tutti coloro che presentano la richiesta quando i fondi sono già terminati rientrano in una graduatoria per il quadrimestre successivo. Alla costituzione dei fondi per i mutui ex INPDAP concorrono anche dei prelievi effettuati mensilmente a tutti coloro che sono iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali, che ammontano allo 0,35% dello stipendio lordo per i lavoratori della pubblica amministrazione e per i dipendenti pubblici, ed allo 0,15% per i pensionati.

Come effettuare la richiesta


Sul sito dell’INPS sono disponibili tutti i documenti necessari per richiedere l’accesso ai mutui ex INPDAP; le richieste devono essere effettuate nei primi 10 giorni del quadrimestre, quindi dal 1 al 10 gennaio, dal 1 al 10 maggio, dal 1 al 10 settembre di ogni anno. La richiesta va inviata per via telematica, o con raccomandata con ricevuta di ritorno, all’Ufficio Provinciale o Territoriale dell’INPS più vicino all’immobile che si intende acquistare. È importante che le richieste siano completate in modo preciso, perché qualsiasi errore presente comporta il rigetto della richiesta di mutuo.

La tipologia di immobile


Qualsiasi dipendente pubblico o pensionato di enti ed aziende pubbliche, può richiedere un mutuo ex INPDAP, purché intenda acquistare un’abitazione non di lusso e deve essere ubicato in Italia; inoltre il mutuo non può superare i 300.000 euro, comprendendo anche le spese per gli spazi accessori e le pertinenze della casa. La persona che intende accedere ai mutui ex INPDAP non vece possedere nessun altro immobile identificabile come prima casa entro i 250 km dalla casa che intende acquistare. A meno che possieda solo delle quote di un’abitazione o che la casa in cui viveva sia stata data in usufrutto al coniuge separato.
Qui trovate altre informazioni sui mutui INPDAP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi