Fed è l’unico problema dell’economia USA?

Il presidente dell’amministrazione statunitense Donald Trump ha attaccato duramente la Federal Reserve lunedì scorso, descrivendola come “l’unico problema” per l’economia USA, proprio mentre i suoi funzionari si stavano riunendo per poter discutere la strategia sui tassi di riferimento.

I mercati azionari sembrano averne risentito, e le azioni sono scese ancora, sulla scia della preoccupazione per il rallentamento della crescita economica, lo shutdown del governo a stelle e strisce e le relazioni sempre più complicate che Trump sta avendo con alcuni uomini di spicco: pare che il presidente USA abbia anche discusso delle opportunità di “licenziamento”  del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, che ha ripetutamente criticato per l’aumento dei tassi di interesse.

In un tweet che non ha fatto nulla per alleviare le preoccupazioni del mercato circa l’amata indipendenza della Fed, il presidente repubblicano ha dunque dato la colpa piedi della banca centrale per i venti contrari all’economia. “L’unico problema della nostra economia è la Fed. Non hanno un’idea del mercato”, ha detto Trump su Twitter.

Oltre a criticare spesso gli aumenti dei tassi della Fed di quest’anno, Trump ha  formulato severi giudizi su Powell diverse volte, dicendo a Reuters in agosto di non essere “entusiasta” di tale incarico.

Il risultato di tali turbolenze è che gli indici principali sono in calo in prossimità delle festività natalizie e che i prezzi del petrolio hanno seguito le azioni verso il basso, crollando più del 6% al livello più basso in oltre un anno. Il segretario del Tesoro Steven Mnuchin ha intanto riunito un organismo speciale sui mercati finanziari, che normalmente si riunisce solo in periodi di forte volatilità del mercato.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi