Vai al contenuto
Sei qui: Home » Il cibo da fast food contribuisce alla depressione?

Il cibo da fast food contribuisce alla depressione?

Il cibo da fast food può essere buono e immediatamente appagante ma… attenzione a non sottovalutare i rischi sul medio termine. Uno studio condotto dai ricercatori della James Cook University, infatti, sta suggerendo che il cibo spazzatura potrebbe contribuire alla depressione.

Per arrivare a queste valutazioni un team di analisti ha messo a confronto l’incidenza dei fenomeni depressivi in due diversi gruppi di 100 persone che abitano su due distinte isole nello Stretto di Torres, tra Papua Nuova Guinea e Australia, in una zona dove i fast food sono ovunque e una in cui non ne esiste nemmeno uno. Quali sono stati i risultati ottenuti?

È semplice: pare che sull’isola con i fast food 16 soggetti abbiano manifestato segni di depressione moderata o grave, contro i 3 soggetti sull’isola senza fast food. Naturalmente, anche se potrebbero aver determinato tale differenziale anche altri elementi, i ricercatori sono portati a ipotizzare che la causa possa essere la maggiore presenza nei cibi da fast food di n-6 PUFA un acido grasso già collegato alla depressione.

Come contrastare tali segnali? A parte l’ovvia considerazione di ricorrere meno al junk food, una contemporanea ricerca condotta dall’Università di Friburgo avrebbe suggerito che due bagni caldi alla settimana aiutano ad alleviare i sintomi della depressione.

In questo caso ai partecipanti alla ricerca è stato domandato di sottoporsi per otto settimane di seguito a due bagni settimanali di 30 minuti a 40 gradi, o a due sessioni di aerobica di 45 minuti. È emerso che in entrambi i casi c’è stato un miglioramento dell’umore, ma quello che ha effettuato i bagni ha risultato risultati ancora superiori. Merito, probabilmente, della indubbia capacità di un bagno caldo di rimettere in sesto i ritmi circadiani, che nei soggetti che soffrono di depressione sono spesso alterati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi