Società tecnologiche e tasse in Europa: come cambierà la situazione

I giganti della tecnologia potrebbero essere costretti a pagare tasse più alte in Europa, mentre i governi cercano nuove entrate per affrontare la crisi del coronavirus in corso.

A sostenerlo è un recente studio di CNBC, secondo cui tassare le aziende tecnologiche come Google, Facebook o Amazon è sempre stato un argomento spinoso in Europa, dove i Paesi non sono riusciti a trovare una tassa digitale congiunta nel 2019 e hanno rinviato i negoziati all’OCSE (l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico). Inoltre, alcune nazioni, come la Francia, hanno deciso di implementare le proprie tasse digitali a prescindere, ma le loro azioni hanno scatenato un battibecco commerciale con gli Stati Uniti.

Diversi governi stanno ora affrontando la più grande crisi economica dai tempi della Grande Depressione e avranno bisogno di denaro fresco per sostenere le loro economie. Potrebbero guardare alle aziende tecnologiche per ottenere quelle entrate extra  di cui hanno bisogno.

Vediamo le conversazioni fiscali sui beni/servizi digitali avanzare più rapidamente in Europa, dove l’ambizione di utilizzare il bilancio dell’Unione Europea per finanziare la ripresa economica dal coronavirus potrebbe vedere Bruxelles aumentare l’interesse di Bruxelles per l’attraente base imponibile potenziale dell’e-commerce e dei servizi digitali“, ha dichiarato al media David Livingston, analista della società di ricerca Eurasia Group.

La Commissione Europea, il braccio esecutivo dell’UE, dovrebbe presentare questa settimana nuovi piani di spesa. È probabile che l’istituzione consideri le tasse aggiuntive, come la carbon duty, come nuove fonti di reddito.

Parlando alla CNBC mercoledì, Dexter Thillien, un analista senior dell’industria di Fitch Solutions, ha detto che ci sono due ragioni per cui ai giganti della tecnologia potrebbe essere chiesto di pagare di più. “La prima è che saranno le aziende che faranno più soldi durante e dopo la pandemia, e la seconda è perché ci sono state molte mosse verso la tassazione digitale”, ha detto via e-mail.

L’OCSE ha rinviato a luglio l’obiettivo di raggiungere un piano di tassazione digitale a ottobre. All’inizio di questo mese ha anche detto che il piano potrebbe essere fatto in un processo graduale che dura fino al 2021. La Commissione europea ha detto che rilancerà i colloqui a livello europeo se quest’anno non ci sarà un accordo all’OCSE.

La stessa istituzione ha già detto che le aziende digitali pagano in media un’aliquota fiscale effettiva del 9,5% nell’UE – rispetto al 23,2% per le aziende tradizionali. I giganti della tecnologia hanno sostenuto che pagano tante tasse quante ne sono legalmente obbligate.

La Commissione Europea ha assunto un ruolo di primo piano nella regolamentazione dell’industria tecnologica. Ad esempio, nel 2016, l’istituzione ha ordinato all’Irlanda di recuperare 13 miliardi di euro di imposte non pagate da Apple. La società e il governo irlandese hanno contestato tale decisione.

Dopo una discussione online con l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg la scorsa settimana, il commissario europeo Thierry Breton ha sollevato la questione della tassazione. Ha detto su Twitter: “Essere intelligenti è un bene. Ma essere troppo intelligenti con le tasse non è mai un’idea giusta”.

La tassazione delle aziende digitali potrebbe andare avanti anche in altre parti del mondo. “Nel corso di un periodo di tempo più lungo, vediamo altri paesi iniziare ad esplorare le tasse sui beni e servizi digitali, in particolare quando la scala del passaggio al commercio digitale negli ultimi mesi di dislocazioni legate alla Covid diventa chiara, e quando un certo numero di paesi afferra per trovare nuove entrate”, ha detto Livingston anche via e-mail. “Una tendenza chiave da tenere d’occhio è il grado in cui le grandi basi di consumatori nei mercati emergenti, come Brasile, India e Indonesia, spingono avanti con le nuove tasse digitali. L’Indonesia, ad esempio, sta cercando di riscuotere le tasse su una quota maggiore del suo e-commerce”, ha detto.

Graham Samuel-Gibbon, partner di diritto tributario internazionale dello studio legale Taylor Wessing, ha detto che una tassa digitale non fornisce “enormi entrate” per i governi in quanto solo poche aziende sono al di sopra della soglia necessaria che richiede loro di pagare il dazio. D’altra parte, le imposte sui consumi e sul reddito forniscono maggiori fonti di entrate governative, ha detto Samuel-Gibson. Tuttavia, egli ha riconosciuto che questi due “sarebbero meno popolari” tra i cittadini comuni.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi