Sei qui: Home » Rinite: cos’è e cosa fare

Rinite: cos’è e cosa fare

La Rinite (ovvero, la condizione di infiammazione della mucosa nasale), così come la rinofaringite (cioè, la condizione di infiammazione della mucosa nasale e della mucosa faringea) sono generalmente situazioni benigne, autolimitate e il più delle volte di origine virale. Tuttavia, possono essere un segno precoce di un’altra infezione (ad esempio morbillo o influenza) e possono essere complicato dalla presenza di un batterio che può favorire una infezione più nociva (si pensi, ad esempio, alle situazioni in cui insorge una otite media o una sinusite).

Generalmente le caratteristiche cliniche della rinite o della rinofaringite sono piuttosto tipiche, e rappresentate da uno scarico nasale o, di contro, da ostruzione, che può essere accompagnata da mal di gola, febbre, tosse, lacrimazione, e diarrea nei neonati. La secrezione nasale purulenta non è indicativa di un’infezione batterica secondaria. Proprio per poter evitare che tali condizioni possano essere sottovalutate, soprattutto nei bambini sotto i 5 anni, è opportuno controllare regolarmente le membrane timpaniche per cercare un’otite associata.

Detto ciò, la rinite e la rinofaringite, se sono lievi, generalmente hanno un decorso relativamente rapido e non richiedono alcun trattamento particolarmente invasivo o specifico. Ci sono tuttavia altri casi – e il tuo medico sarà certamente in grado di comprendere se questa  è la tua ipotesi di maggiore interesse – in cui sarà opportuno procedere con un trattamento più deciso.

Si tenga conto che l’antibioterapia non è raccomandata, perché non favorisce il recupero né previene le complicazioni. Il trattamento è poi essenzialmente sintomatico, ed è finalizzato alla possibilità di liberare il  naso dalle ostruzioni, e dal contenere i fastidi determinati dalla  presenza di eventuale febbre e mal di gola, mediante la somministrazione di paracetamolo per via orale per 2 o 3 giorni.

Se al termine di questo processo terapeutico i problemi dovessero persistere, consigliamo ovviamente di ricorrere alla consulenza del proprio medico di riferimento per poterne sapere di più ed effettuare eventuali accertamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *