Sei qui: Home » Cos’è un attacco di cuore e come riconoscerlo

Cos’è un attacco di cuore e come riconoscerlo

Un attacco di cuore, o infarto miocardico, è una condizione che avviene quando una parte del muscolo cardiaco non riceve abbastanza sangue. Più tempo passa senza trattamento per ripristinare il flusso di sangue, maggiore è il danno al muscolo cardiaco.

La malattia coronarica è la determinante principale dell’infarto. Una causa meno comune è un grave spasmo, o contrazione improvvisa, di un’arteria coronaria che può fermare il flusso di sangue al muscolo cardiaco.

I sintomi dell’attacco di cuore

Ma quali sono i sintomi dell’attacco di cuore?

I sintomi principali di un attacco di cuore sono:

  • dolore o fastidio al petto. La maggior parte degli attacchi di cuore comporta un disagio nel centro o nel lato sinistro del petto che dura per più di qualche minuto o che va via e ritorna. Il disagio può sembrare una pressione fastidiosa, una compressione, una pienezza o un dolore;
  • sensazione di debolezza, testa leggera o svenimento. Si può anche avvertire un sudore freddo;
  • dolore o fastidio alla mascella, al collo o alla schiena;
  • dolore o fastidio in una o entrambe le braccia o spalle;
  • respiro corto. Questo viene spesso con il disagio del torace, ma la mancanza di respiro può anche accadere prima del disagio del torace;
  • altri sintomi di un attacco di cuore potrebbero includere stanchezza insolita o inspiegabile e nausea o vomito. Le donne hanno maggiori probabilità di avere questi altri sintomi. Per saperne di più su donne e malattie cardiache.

Cosa fare in caso di attacco cardiaco

Per quanto concerne le azioni da porre in essere, è evidente che se noti i sintomi di un attacco di cuore in te stesso o in qualcun altro, è necessario chiaramente immediatamente i soccorsi. Prima si arriva a un pronto soccorso, prima si può ottenere un trattamento per ridurre la quantità di danni al muscolo cardiaco. All’ospedale, gli operatori sanitari possono eseguire dei test per scoprire se è in corso un attacco di cuore e decidere il trattamento migliore.

In alcuni casi, un attacco di cuore richiede la rianimazione cardiopolmonare o uno shock elettrico (defibrillazione) al cuore per farlo pompare di nuovo. Il personale sanitario addestrato a usare la rianimazione cardiopolmonare o un defibrillatore possono essere in grado di aiutare fino all’arrivo del personale medico di emergenza. Ricorda infine che le possibilità di sopravvivere a un attacco di cuore sono migliori quanto prima inizia il trattamento di emergenza.

Per quanto riguarda infine le maggiori ulteriori informazioni, consigliamo tutti i nostri lettori interessati di ricorrere alla consulenza del proprio medico di riferimento, l’unico professionista sanitario che potrà fungere da fonte per ottenere tutte quelle informazioni utili per migliorare il proprio stato di salute e, attraverso alcuni accorgimenti quotidiani, ridurre il rischio di andare incontro a simili situazioni pregiudizievoli che, in alcuni casi, sono anche in grado di determinare delle condizioni di rischio di decesso o di grave invalidità.

Nelle prossime settimane torneremo comunque su questo tema, condividendo alcune azioni da porre in essere per limitare i fattori di rischio che potrebbero determinare un attacco di cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *