Sei qui: Home » Cos’è un ciclo economico

Cos’è un ciclo economico

writing-1149962_1920Un ciclo economico è un ciclo di fluttuazioni del prodotto interno lordo (PIL) intorno al suo tasso di crescita naturale a lungo termine. Spiega l’espansione e la contrazione dell’attività economica che un’economia sperimenta nel tempo.

Un ciclo economico è completato quando passa attraverso un singolo boom e una singola contrazione in sequenza. Il periodo di tempo per completare questa sequenza è chiamato “lunghezza del ciclo economico”. Per quanto intuibile, un boom è caratterizzato da un periodo di rapida crescita economica mentre un periodo di crescita economica relativamente stagnante è una recessione. Questi sono misurati in termini di crescita del PIL reale, che è corretto per l’inflazione.

Fasi del ciclo economico

Nel diagramma del ciclo economico, esistono cinque diverse fasi.

La prima è l’espansione. In questa fase, c’è un aumento degli indicatori economici positivi come occupazione, reddito, produzione, salari, profitti, domanda e offerta di beni e servizi. I debitori stanno generalmente pagando i loro debiti in tempo, la velocità dell’offerta di denaro è alta e gli investimenti sono elevati. Questo processo continua finché le condizioni economiche sono favorevoli all’espansione.

Il secondo è il picco, un punto di saturazione. Il limite massimo di crescita è raggiunto. Gli indicatori economici non crescono ulteriormente e sono al loro massimo. I prezzi sono al loro picco. Questa fase segna il punto di inversione della tendenza della crescita economica. I consumatori tendono a ristrutturare i loro bilanci a questo punto.

Giungiamo poi alla terza fase, la recessione. La domanda di beni e servizi inizia a diminuire rapidamente e costantemente. I produttori non notano la diminuzione della domanda all’istante e continuano a produrre, il che crea una situazione di eccesso di offerta sul mercato. I prezzi tendono a scendere. Tutti gli indicatori economici positivi come il reddito, la produzione, i salari, ecc.

Abbiamo oi la quarta fase che è la depressione. C’è un aumento proporzionale della disoccupazione. La crescita dell’economia continua a diminuire, e quando questa scende sotto la linea di crescita costante, lo stadio è chiamato – appunto – depressione.

Dopo la depressione, l’economia passa alla fase di recupero. In questa fase, c’è un’inversione di tendenza nell’economia, e comincia a recuperare dal tasso di crescita negativo. La domanda comincia ad aumentare a causa dei prezzi bassi e, di conseguenza, l’offerta comincia ad aumentare. La popolazione sviluppa un atteggiamento positivo verso gli investimenti e l’occupazione e la produzione inizia ad aumentare.

L’occupazione comincia ad aumentare e, a causa dei saldi di cassa accumulati presso i banchieri, anche i prestiti mostrano segnali positivi. In questa fase, il capitale ammortizzato viene sostituito, portando a nuovi investimenti nel processo produttivo. Il recupero continua fino a quando l’economia ritorna a livelli di crescita stabili.  Questo completa un intero ciclo economico di boom e contrazione. I punti estremi sono il picco e la depressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *