Vai al contenuto
Sei qui: Home » Microsoft compra Activision Blizzard in un maxi accordo

Microsoft compra Activision Blizzard in un maxi accordo

trader affariNel 2008 Microsoft ha cercato di stabilire un record, quando l’allora amministratore delegato Steve Ballmer perseguì piani di acquisto di Yahoo per circa 50 miliardi di dollari. Sarebbe stato il più grande affare tecnologico americano di sempre, superando l’acquisto di SDL da 41 miliardi di dollari di JDS Uniphase nel 2000.

Fortunatamente per Microsoft, Yahoo ha ripetutamente rifiutato la sua offerta. Yahoo è stato poi battuto da Google nella ricerca su internet e alla fine ha finito per vendere per 4,5 miliardi di dollari a Verizon nel 2017.

Satya Nadella sta ora cercando ancora una volta di mettere Microsoft nel libro dei record dell’affare.

Martedì, infatti, Microsoft ha detto che sta comprando l’editore di videogiochi Activision Blizzard per quasi 69 miliardi di dollari, un prezzo che eclisserebbe di poco il più ricco accordo tecnologico degli Stati Uniti nella storia. Nel 2016, Dell ha acquistato EMC per 67 miliardi di dollari. L’affare JDS-SDL viene dopo, seguito dall’acquisizione di Red Hat da 34 miliardi di dollari da parte di IBM, che ha chiuso nel 2019.

Naturalmente, Microsoft deve ancora ottenere l’approvazione degli azionisti di Activision e, cosa più importante, dei regolatori. Due recenti mega-acquisti nell’industria dei semiconduttori – lo sforzo di Nvidia per comprare Arm e l’accordo di AMD per acquistare Xilinx – sono stati entrambi bloccati nella revisione normativa per oltre un anno.

Per Microsoft, il prezzo di acquisto è più del doppio di quello che la società 47enne ha mai pagato. La sua migliore acquisizione precedente è stata LinkedIn nel 2016, che è costata oltre 26 miliardi di dollari. Ma Nadella, che è succeduto a Ballmer come CEO di Microsoft nel 2014, ha il capitale da spendere e una base di investitori che lo sta spingendo ad essere aggressivo.

Al momento dell’annuncio di LinkedIn, Microsoft era valutata circa 400 miliardi di dollari, quindi l’acquisto ammontava a circa il 6,5% del suo market cap. Quando ha cercato di comprare Yahoo, il market cap di Microsoft era di circa 260 miliardi di dollari, il che significa che avrebbe ceduto quasi il 20% della società. Oggi, Microsoft ha una valutazione di quasi 2,3 trilioni di dollari e sta pagando solo il 3% del suo market cap per Activision.

Piuttosto che usare il suo aumentato valore azionario, Microsoft sta pagando gli investitori di Activision in contanti. È un carico pesante, ma Microsoft può permetterselo. Al 30 settembre, l’azienda era seduta su 130 miliardi di dollari in contanti ed equivalenti, con l’85% di questi sotto forma di investimenti a breve termine.

Il prezzo di acquisto di Microsoft è un premio del 45% rispetto al prezzo di chiusura di Activision di venerdì. Ma gli investitori di Microsoft sembrano essere d’accordo. Il titolo è sceso solo del 2,4% martedì – in linea con molti altri titoli tecnologici in una giornata di calo generale per il mercato. Questo è in parte dovuto al comprovato successo di Nadella nell’integrare le precedenti acquisizioni, tra cui LinkedIn e GitHub, che Microsoft ha acquistato per 7,5 miliardi di dollari nel 2018. Ma è più un riflesso dell’eccitazione intorno al gioco e al potenziale di Microsoft di espandere la sua presenza oltre la Xbox e il suo servizio di abbonamento esistente chiamato Game Pass.

L’offerta all-cash per acquisire ATVI per 68,7 miliardi di dollari rappresenta la più grande acquisizione nella storia di Microsoft, ma porta anche un interessante valore strategico, in particolare all’interno del settore della tecnologia di consumo, dove Microsoft ha un portafoglio prodotti più piccolo“, hanno scritto gli analisti di Piper Sandler, che raccomandano di acquistare le azioni, in una nota dopo l’annuncio. “Il gioco e la pubblicità rappresentano due segmenti che combinati rappresentano un’opportunità di guadagno incrementale di 1 trilione di dollari per Microsoft a lungo termine”.

Microsoft sta anche approfittando di un ambiente normativo che ha fatto pressione su Big Tech, ma ha lasciato Microsoft da sola. I dirigenti di Google, Apple, Facebook e Amazon hanno affrontato negli ultimi anni l’ira dei funzionari eletti, che sono preoccupati per la pubblicità, il commercio e i dati mobili che si consolidano in troppo poche mani.

Sebbene queste mega-capacità si siano limitate per lo più a piccole acquisizioni in mercati tangenziali, Microsoft continua a fare le cose in grande. “Da un punto di vista normativo, MSFT non è sotto lo stesso livello di scrutinio di altri capisaldi della tecnologia (Amazon, Apple, Facebook, Google)”, ha scritto Dan Ives, un analista di Wedbush Securities, in un rapporto. “In definitiva Nadella ha visto una finestra per fare una scommessa importante sul consumatore, mentre gli altri sono presi sotto i riflettori normativi e non potevano andare dopo un bene come questo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi