Vai al contenuto
Sei qui: Home » Come risolvere il problema della procrastinazione

Come risolvere il problema della procrastinazione

writing-1149962_1920La pigrizia e la procrastinazione sono due cose molto diverse, a cui tutti siamo esposti. Ma la gente spesso confonde la procrastinazione con l’essere pigri. La pigrizia suggerisce apatia, mancanza di volontà di agire e inattività. Al contrario, la procrastinazione è la scelta di fare qualcos’altro invece del compito che si dovrebbe fare. Il più delle volte comporta l’evitare un compito che non vi piace, ma il compito è probabilmente molto importante, in favore di un compito che è più facile o piacevole.

La procrastinazione può comportare il mancato raggiungimento dei vostri obiettivi e può portare a una riduzione della produttività. Per esempio, lievi episodi di procrastinazione possono farvi sentire male o vergognarvi. E questo impulso può dar vita a conseguenze significative. In casi estremi, si può essere demotivati e disillusi dal proprio lavoro, il che può portare alla depressione e persino alla perdita del lavoro se si procrastina per un lungo periodo.

Quando le persone vedono un compito in modo sgradevole, è più probabile che lo rimandino. E ricerche più recenti suggeriscono che la procrastinazione è legata alla difficoltà di gestire l’angoscia, mentre questo può essere vero per alcuni. In psicologia, è stato a lungo creduto che le persone che procrastinano hanno un senso difettoso del tempo – che pensano di avere più tempo per fare qualcosa di quanto ne abbiano.

Inoltre, la procrastinazione può ostacolare i pensieri autocritici che possono derivare dal rimandare i compiti, l’autostima con sensi di colpa o vergogna. I procrastinatori tendono ad avere più problemi di sonno e a sperimentare un maggiore rammarico per lo stress rispetto ai non procrastinatori.

La procrastinazione può anche portare ad un aumento dello stress, a problemi di salute e a prestazioni più scadenti. Questo approccio può ironicamente causare più angoscia nel lungo periodo, mentre i procrastinatori possono cercare di evitare l’angoscia.

È possibile superare la procrastinazione come la maggior parte delle cattive abitudini. Provate uno di questi consigli, che saranno elencati di seguito, per mettervi in pista se lottate con il rimandare le cose.

Come riconoscere la procrastinazione

Probabilmente state procrastinando se iniziate a rimandare le cose all’infinito, o cambiate obiettivo perché volete evitare di fare qualcosa. Tuttavia, non state necessariamente procrastinando se state rimandando brevemente un compito importante per una ragione veramente buona. Potreste rimandare un compito perché avete dovuto ridefinire le priorità del vostro carico di lavoro.

Anche questi sono altri modi per sapere se si sta procrastinando:

  • si procrastina procrastinando se la tua giornata è piena di compiti con bassa priorità
  • potreste anche procrastinare lasciando un punto cruciale della vostra lista di cose da fare per molto tempo
  • è molto probabile che procrastini quando prendi o riempi la tua lista di cose da fare con compiti banali che altre persone ti chiedono di fare invece di andare avanti con i compiti cruciali che hai già
  • è probabile che procrastiniate se avete iniziato un compito ad alta priorità e poi andate a fare un caffè
  • aspettare il momento giusto o voler essere dell’umore giusto per affrontare un compito può portare a procrastinare
  • anche leggere le e-mail più e più volte senza prendere alcuna decisione su cosa farne può portare a procrastinare.

Perché si procrastina

Prima di iniziare ad affrontare la procrastinazione, è necessario capire perché si procrastina.

Per esempio, se si evita un compito perché lo si trova poco interessante o sgradevole, è possibile prendere rapidamente alcune misure per togliere di mezzo quel compito sgradevole in modo da potersi concentrare sugli aspetti del proprio lavoro che si trovano più piacevoli.

Non essere ben organizzati potrebbe portare alla procrastinazione. Le persone che sono organizzate superano con successo la procrastinazione perché creano programmi efficaci e usano liste di cose da fare con priorità. Per organizzare i vostri compiti per priorità e scadenza, ci sono molte cose che vi aiuterebbero.

Si può essere organizzati e sentirsi comunque sopraffatti da un compito. Forse vi preoccupate troppo di fallire e dubitate della vostra capacità di portare a termine un compito. Quindi, cercate conforto in ciò che siete in grado di portare a termine e rimandate il compito.

Alcuni di solito pensano che il successo li porterà ad essere sommersi dalla richiesta di assumere altri compiti. E il successo viene temuto da loro tanto quanto il fallimento.

Piuttosto che fare qualcosa in modo imperfetto, i perfezionisti preferirebbero evitare di fare un compito che non sentono di avere abbastanza abilità o esperienza per farlo. Sorprendentemente, i perfezionisti sono di solito procrastinatori.

È molto probabile che si rimandi l’azione nel caso in cui si faccia la cosa sbagliata se non si riesce a decidere cosa fare. E il cattivo processo decisionale è un’altra delle cause principali della procrastinazione.

Come adottare una strategia anti-procrastinazione

Per darti le migliori possibilità di successo, cerca il più possibile di adottare diverse strategie che ti verranno fornite di seguito. Perché le abitudini smettono di essere tali solo quando si evita di praticarle. E la procrastinazione è un modello di comportamento profondamente radicato che probabilmente non si può rompere da un giorno all’altro.

Per ridurre la probabilità di procrastinare in futuro, gli studi hanno dimostrato che il perdono di sé può aiutarvi a sentirvi più positivi con voi stessi. Dovresti perdonare te stesso per aver procrastinato in passato.

Scrivete e specificate un tempo necessario per completare i compiti. Rimanete impegnati nei compiti, concentratevi sul fare e sul portare a termine, ma non evitate. Affrontare proattivamente il tuo lavoro, questo ti aiuterà.

Assicurati di notare come ci si sente bene a finire le cose. Premiati con un regalo, come un caffè della tua caffetteria preferita o una fetta di torta se completi un compito difficile nel tempo stabilito. Quindi, assicurati di prometterti una ricompensa all’inizio del compito.

Puoi anche chiedere a qualcuno di controllarti perché la pressione dei pari funziona, e questo è un principio alla base dei gruppi di auto-aiuto. Ma se non hai nessuno a cui chiedere di controllarti, puoi usare uno strumento online come Procraster per aiutarti a controllarti.

Piuttosto che lasciare che i vostri compiti si accumulino nel corso di un’altra giornata, assicuratevi di agire man mano e di affrontarli non appena si presentano.

Mentre lavori assicurati di aver spento le notifiche delle tue maniglie dei social media e della posta elettronica ed evita di sederti vicino alla televisione per ridurre al minimo le distrazioni.

La prima cosa che il tuo obiettivo dovrebbe essere ogni giorno è “mangiare un elefante scarabeo”. Assicuratevi di togliere di mezzo i compiti che trovate meno piacevoli il più presto possibile, in una giornata. Fare questo vi darà il resto della giornata per concentrarvi sul lavoro che trovate più piacevole.

Vi sentirete più in controllo del vostro carico di lavoro quando adotterete l’uso della frase “io scelgo di”, che implica che voi possedete un progetto. Tuttavia, potrebbe farvi sentire privi di potere e potrebbe anche risultare in un auto-sabotaggio. Ma quando riformulate il vostro dialogo interno e adottate la frase “ho bisogno di” e “devo”, per esempio, ciò implica che non avete altra scelta che farlo.

Combattete la procrastinazione identificando i benefici a lungo termine del completamento di un compito. Per esempio, chiedetevi se potrebbe influire sul vostro bonus di fine anno o sulla valutazione annuale delle prestazioni. La ricerca ha anche dimostrato che le persone impulsive e concentrate sul guadagno o sui benefici a breve termine hanno maggiori probabilità di procrastinare. Cercate di concentrarvi sul “gioco lungo” se procrastinate perché trovate un compito sgradevole.

Un altro modo per rendere un compito più piacevole è quello di identificare le conseguenze spiacevoli di evitarlo o ignorarlo e come potrebbe influenzare i vostri obiettivi personali, di squadra o organizzativi. Per esempio, chiedetevi cosa succederà se non completate il lavoro.

Allo stesso tempo, a volte è necessario provare un compito. Perché potresti scoprire che non è così male come pensavi. Quindi, è importante riconoscere che spesso possiamo sopravvalutare la sgradevolezza di un compito. Ma può essere utile riformulare il compito guardando al suo significato e alla sua rilevanza. E questo aumenterà il suo valore per te e renderà il tuo lavoro più utile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi