Vai al contenuto
Sei qui: Home » Come si fa il digiuno intermittente

Come si fa il digiuno intermittente

Ci sono diversi modi per procedere con il digiuno intermittente e, attraverso tale percorso, perdere peso. Può sembrare e sembrare facile a prima vista, ma ci sono un sacco di tecniche intricate integrate in questa pratica. Non puoi semplicemente svegliarti un giorno e dire che vuoi digiunare, senza una guida o un quadro di riferimento!

È infatti la tua percezione del cibo che deve cambiare drasticamente. Vediamo insieme alcuni dei metodi più noti.

Metodo 16:8

Questo è il modello di digiuno intermittente più usato, ed è il migliore per i principianti perché permette di saltare la colazione e mangiare 4 ore dopo il risveglio. Questo metodo richiede di digiunare per 16 ore al giorno e mangiare nella finestra di alimentazione di 8 ore. Per molti è lo schema preferito e quello che si trova più facile e sostenibile per un lungo periodo di tempo.

Dunque, con questo metodo non si chiede di contare le calorie o di preporzionare il cibo per tutta la giornata (anche se pianificare i pasti, se i tuoi impegni lo permettono, non è una cattiva idea). Questo digiuno intermittente permette un grado di libertà che altri metodi semplicemente non permettono.

La dieta del guerriero

Questo metodo di digiuno comporta l’uso di una finestra più ampia o di un lasso di tempo per mangiare. Questo metodo usa un metodo 12:12: ciò significa che si digiuna per dodici ore e allo stesso tempo si ha una finestra di dodici ore per mangiare. Questo sembra un po’ troppo facile, ma non farti ingannare. Questo metodo è infatti uno dei pochi che permette effettivamente di mangiare fino a tre volte al giorno a causa della sua grande finestra. Sappiamo che tutto questo suona troppo bello per essere vero, ma lo è! Tuttavia, è permesso mangiare solo piccole quantità di frutta e verdura durante il giorno.

Esatto, niente carne, niente pane, niente di niente. Solo frutta e verdura completamente naturali. Come il modo in cui mangiano i conigli! Non prendere questa come una scusa per mangiare fino a cinque volte al giorno: una buona ciotola piena di frutta e verdura assortita con un alto bicchiere d’acqua dovrebbe essere più che sufficiente per riempirti. C’è una grande varietà di frutta da mangiare e tutta un’altra serie di combinazioni che puoi fare con diverse verdure che si combinano piuttosto bene per fare 3 buoni pasti al giorno.

Digiuno a giorni alterni

Mentre continuiamo a scendere lungo questa lista di metodi alternativi di digiuno, comincerai a vedere sempre più ragioni per cui il “16:8” è il miglior metodo di digiuno intermittente. Questo è un metodo di digiuno ancora più libero, che implica mangiare normalmente un giorno e mangiare leggero il giorno dopo, il che significa che puoi mangiare quattro pasti pesanti oggi e due pasti piccoli domani, o quattro pasti leggeri oggi e due pasti grandi domani. Ora, come si potrebbe pianificare esattamente per tenere traccia di questo confuso metodo di digiuno? Alla fine diventerebbe troppo confuso da seguire, il che lo renderebbe molto facile da abbandonare.

L’unico modo che ci viene in mente per una persona per tenere adeguatamente traccia di questo metodo, a parte fare costanti note mentali e promemoria nella propria testa, è fare una tabella dei pasti completa, che è esattamente il tipo di stress che questo metodo per perdere peso sta cercando di evitare.

Mangiare – Stop – Mangiare

Questa è una versione migliorata del metodo di digiuno di cui sopra. Sono entrambi molto simili, ma invece di mangiare pesante un giorno e leggero il successivo. Si mangia per tutto il giorno, poi il giorno successivo non si mangia proprio nulla. Se sembra troppo intenso, è perché lo è, almeno secondo noi. D’altronde, è davvero sostenibile il “niente cibo per un giorno intero”? Non fraintendeteci, potrebbe funzionare per le persone che lo praticano, ma per noi è davvero troppo intenso.

Dunque, potresti decidere di mangiare pesante o leggero nei giorni che ti sono stati assegnati per mangiare. Ma l’impressione è che la maggior parte delle persone sceglierà di mangiare molto pesantemente per compensare la mancanza di cibo il giorno dopo. Allora, in questo caso, qual è esattamente lo scopo di non mangiare il giorno dopo se gli effetti saranno annullati dall’eccesso di cibo di oggi?

Insomma, alla luce di quanto sopra, il primo metodo che abbiamo presentato è il metodo più realistico e facile da seguire. Non c’è bisogno di nulla come la preparazione dei pasti, gli orari o i calendari. Ti svegli e sai esattamente quando ti è permesso mangiare e quando dovresti smettere di mangiare. Ti impedisce di mangiare troppo o troppo poco perché sai esattamente quanti pasti hai bisogno di mangiare per il giorno. Ti impedisce di mangiare fino a tardi la sera perché il tuo punto di stop per la giornata è alle 8 di sera, mentre altri metodi ti permettono di mangiare fino all’1 di notte senza alcuna buona ragione.

Questo metodo ti aiuta a rimanere motivato e ti pone in una buona routine di produttività costante e di perdita di peso attiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi