Vai al contenuto
Sei qui: Home » Perché molte persone sono intolleranti ai frutti di mare?

Perché molte persone sono intolleranti ai frutti di mare?

I frutti di mare sono una scelta alimentare popolare e molte persone apprezzano il gusto e la diversità dei piatti a base di pesce. Tuttavia, ci sono persone che sono intolleranti ai frutti di mare, cioè non riescono a digerirli o a metabolizzarli correttamente. In questo articolo analizzeremo perché alcune persone sono intolleranti ai frutti di mare e cosa si può fare per gustarli senza preoccuparsi dell’intolleranza.

La storia dell’intolleranza ai frutti di mare

La storia della tolleranza ai frutti di mare è lunga e complessa. Nell’antichità, in molte parti del mondo si mangiavano i frutti di mare senza problemi. Tuttavia, con l’evoluzione del mondo, è cambiato anche l’atteggiamento nei confronti dei frutti di mare. Le ragioni di questo cambiamento sono molteplici. Un fattore chiave è che i frutti di mare sono una fonte importante di proteine per molte persone in tutto il mondo. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, i frutti di mare rappresentano un terzo di tutte le proteine assunte dalle persone. Ciò significa che la questione dell’intolleranza ai frutti di mare è molto importante.

Una ragione dell’aumento dell’intolleranza ai frutti di mare è la sicurezza. I frutti di mare possono essere contaminati da batteri e parassiti, che possono essere dannosi se ingeriti in grandi quantità. Per questo motivo è importante cucinare correttamente i frutti di mare prima di consumarli. Tuttavia, nonostante queste ragioni, l’atteggiamento nei confronti dei frutti di mare continua a cambiare. Negli ultimi anni è aumentata la consapevolezza dell’impatto ambientale della produzione di frutti di mare. Questo ha portato a un cambiamento di atteggiamento anche nei confronti dell’allevamento ittico.

Nel complesso, sembra che l’atteggiamento nei confronti dei frutti di mare si stia evolvendo lentamente ma inesorabilmente. Man mano che un maggior numero di persone diventa consapevole dei benefici e dei pericoli dei frutti di mare, si spera che l’intolleranza diminuisca.

Le cause dell’intolleranza ai frutti di mare

Sono molte le ragioni per cui le persone possono diventare intolleranti ai frutti di mare. Alcuni di questi motivi includono il modo in cui i frutti di mare vengono raccolti, lavorati e cucinati.

Ecco alcune delle cause più comuni di intolleranza ai frutti di mare:

  1. Il modo in cui i frutti di mare vengono raccolti può causare allergie alimentari. I frutti di mare raccolti con la pesca a strascico o con i palangari possono danneggiare gli ecosistemi marini e avere un impatto sulle reti alimentari. Questo metodo di raccolta disturba gli ecosistemi delicati e può portare all’accumulo di tossine nei frutti di mare. La pesca a strascico espone inoltre i pesci a un’intensa pressione, che può causare la contaminazione da parassiti o virus nocivi.
  2. I frutti di mare trasformati possono anche causare allergie alimentari. I frutti di mare lavorati si riferiscono di solito a tutto ciò che è stato fatto al pesce o ai frutti di mare crudi, come sfilettare, squamare, tagliare a cubetti o riscaldare a più di 56 gradi Fahrenheit. Molti di questi processi possono rilasciare proteine e altre sostanze chimiche che possono scatenare una reazione allergica in alcune persone.
  3. Anche i frutti di mare cotti possono causare allergie alimentari. I frutti di mare cotti ad alte temperature contengono spesso quantità eccessive di tossine sensibili al calore chiamate ammine. Le ammine si formano quando le proteine vengono riscaldate oltre il loro punto di ebollizione. Quando queste ammine vengono consumate, possono causare una reazione allergica nelle persone allergiche ai frutti di mare.
  4. Anche i frutti di mare cucinati in modo improprio possono causare allergie alimentari. I frutti di mare cotti male possono contenere batteri e parassiti nocivi che possono causare una reazione allergica. In alcuni casi, i frutti di mare troppo cotti possono anche contenere allergeni che non erano inizialmente presenti nel pesce o nei frutti di mare crudi.

Sostituti dei frutti di mare per le persone allergiche ai frutti di mare

Esistono molti sostituti dei frutti di mare per le persone con allergie ai frutti di mare. Una sostituzione consiste nell’utilizzare un brodo vegetale al posto del brodo di pesce. Un’altra sostituzione consiste nell’utilizzare verdure cotte come alternativa ai frutti di mare. Sono disponibili anche sostituti vegani e senza glutine.

Conclusioni

Molte persone sono intolleranti ai frutti di mare a causa di una sensibilità a una o più proteine dei frutti di mare. Anche se non è sempre chiaro quale sia la causa di questa sensibilità, la ricerca suggerisce che l’esposizione a livelli elevati di queste proteine può portare a una condizione chiamata anafilassi. Se dopo aver mangiato frutti di mare si avvertono sintomi come respiro affannoso, vertigini e dolore al petto, è consigliabile rivolgersi al proprio medico per verificare la presenza di una sensibilità ai frutti di mare. Nel frattempo, limitare l’assunzione di frutti di mare può contribuire a ridurre il rischio di sviluppare un’intolleranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi