Il gigolò, una nuova professione: scopriamola a fondo!

accompagnatoriGià, proprio così: con l’accentuarsi della crisi economica sono state sempre più le persone che si sono ritrovate sprovviste di un posto di lavoro o che magari, pur avendocelo, son finite vittime di una spirale di negatività, di difficoltà e di debiti insormontabili. La situazione che ha attraversato e che in un certo qual modo attraversa tuttora l’Italia è effettivamente drammatica e, in quanto tale, tesa a riguardare un numero cospicuo di persone. Ma cosa c’entra tutto ciò con la professione dell’accompagnatore?

C’entra eccome! D’altro canto, pensiamoci un attimo: ogni qualvolta si è manifestata una situazione di crisi economica gli italiani hanno deciso o di ricorrere a situazioni estreme pur di sfuggire dalle difficoltà, o hanno optato per cambiare radicalmente il proprio stile di vita magari trasferendosi in un Paese estero, oppure hanno pensato bene di reinventarsi in chiave professionale assumendo le vesti di un mestiere che mai avrebbero pensato di poter fare. E il gigolò, piaccia oppure no, è finito col divenir parte di questa realtà, quindi il gigolo è una nuova professione.

In effetti è difficile che chi sia alla ricerca di denaro guadagnato con poco sforzo opti per professioni fisicamente pesanti, psicologicamente stressanti ed economicamente poco remunerative. Insomma, per reagire dinanzi alle difficoltà economiche si sente il bisogno di un’opportunità di lavoro che sia interessante da cogliere e al tempo stesso foriera di importanti profitti: e il gigolò rientra alla perfezione in questa fattispecie.

Coloro i quali fanno i gigolò di mestiere godono infatti di un lavoro tutto sommato non pesante poiché, di fatto, nel loro lavoro non devono far altro che compiere atti che compierebbero nella più normale quotidianità (accompagnare una donna a cena fuori, a teatro, al cinema e magari portarla anche a letto). Parliamo in sostanza di un lavoro pulito e ordinato, ma il cui punto di forza è rinvenibile più che altro nel “fattore portafoglio”.

Il gigolò presuppone infatti di lavorare sì in maniera pulita ed elegante, ma anche e soprattutto di aprire le porte del cosiddetto “guadagno facile”: i professionisti dell’accompagnamento hanno un conto in banca spesso bello pieno poiché non temono più di tanto di proporre listini anche particolarmente esosi. E ciò accade per lo più a causa del fatto che, di norma, chi contatta i gigolò è proprio una clientela piuttosto agiata anche se non è affatto escluso che ormai il listino prezzi sia votato al ribasso a causa di una disponibilità generale che, dati alla mano, non è più equiparabile a quella di qualche anno fa.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi