Quando il caffè diventa alleato della prevenzione?

6 coffee-beans-2258839_960_720Caffè sì o no?

Seduti allo stesso tavolino, troveremo sempre pareri discordi: caffè sì o caffè no?

La scelta del caffè va oltre il semplice gusto, dietro si nascondono tutte le considerazioni sugli effetti benefici o dannosi della bevanda più amata al mondo.

In realtà, a dispetto di quello che molti credono, il caffè rientra tra gli effetti vantaggiosi per la salute. Con un consumo moderato del caffè, infatti, si può contribuire alla prevenzione verso patologie specifiche.

Quali? Sicuramente l’utilizzo non eccessivo del caffè ha benefici per il fegato, per l’insorgere di alcune tipologie di tumori e anche per alcune malattie degenerative.

Prevenire bevendo il caffè… in che modo?

Oltre che per alcune funzioni fisiologiche dell’uomo, il consumo di caffè è un grande e valido alleato per la prevenzione. Sembra uno scherzo, ma bere una buona tazzina di caffè può migliorare la vostra salute.

La regola è solo una: non esagerare. Per i più grandi amanti del caffè pensare di dosare il numero di tazzine al giorno è un grande sacrificio. Ma è necessario per ottenere benefici senza recar danni.

Per questo è consigliato scegliere l’aroma che più si preferisce del caffè, anche visitando siti dove le varietà sono garantite come https://www.iltempodelcaffe.it/caffe/ e non andare oltre il proprio limite.

Utile anche per favorire lo sviluppo cognitivo, il caffè è un importante ausilio nel mantenimento di valori di buona salute in individui sani.

A partire dal… sistema cardiovascolare. Se si mantiene un consumo regolare di non più di tre caffè al giorno, l’abitudine del caffè contribuisce nella prevenzione di mortalità per cause cardiovascolari. Questo avviene grazie agli antiossidanti che sono contenuti nei chicchi di caffè.

Per la prevenzione, in particolare, il caffè agisce per alcuni tumori. In particolare il suo apporto risulta protettivo nei confronti del tumori dell’apparato digerente, del fegato e del colon.

Il caffè sembra avere anche un effetto benefico sulla mucosa dell’utero, l’endometrio, diventando protettore di ipotetiche patologie delle donne.

Gli effetti positivi del caffè

Secondo alcuni studi, il consumo adeguato di caffè è un buon alleato anche per il cervello. Infatti sembra che il caffè ostacoli l’insorgere di problemi di memoria legati all’Alzheimer. Diventa un ottimo principio durante il processo di formazione della malattia, come funzione di prevenzione.

Inoltre, l’uso del caffè viene ritenuto anche di prevenzione per casi di ictus.

Le vere funzioni benefiche del caffè sono da associare alle sostanze che sono contenute nella bevanda. Molte di queste, infatti, sono precursori delle vitamine, tra cui gli antiossidanti e alcaloidi. Inoltre è positivo il consumo di caffè anche per l’assunzione di tutte le sostanze che aiutano il metabolismo a mantenere un giusto equilibrio. Tra queste, nel caffè sono presenti i minerali: il magnesio, il potassio e i fosfati. Ciò contribuisce sulla diminuzione del senso della fatica e anche all’aumento della capacità di forza e vigilanza.

E non solo, questo comporta anche un aumento di potenza che limita il bisogno di anti-infiammatori.

Mantenendo il consumo della bevanda del caffè nei limiti, sulla base anche del proprio stato di salute, i suoi effetti possono contribuire a rendere il nostro organismo ancora più forte.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi